Skip to content

VIDEO – Da Vancuver a Riyadh, la giovane Loujine sfida i conservatori

aprile 19, 2013

Lo scompiglio parte in sordina da Vancuver e arriva in piena a Riyadh. A provocarlo sono i video di Loujine Hathloul, una studentessa saudita che vive in Canada da dove critica senza peli sulla lingua la rigidità della società dalla quale proviene. Mentre accresce il suo successo tra la gioventù saudita, aumentano anche le critiche dei settori più tradizionalisti. Le motivazioni? Una serie di video diventati in un paio di giorni virali oltre 700 mila visualizzazioni, nei quali Loujine narra con semplicità la sua vita quotidiana all’estero, infrangendo una serie di tabù che scandalizzando ampi settori della società saudita. Loujine, che è seguita su twitter da più di cinque milioni di utenti, non si fa problemi a mostrarsi senza velo, mostrando il suo taglio alla moda. In aggiunta, si riprende mentre guida con disinvoltura un’auto – attività interdetta alle donne saudite- e recita alcuni versetti coranici rivolgendosi direttamente ai conservatori e sfidandoli apertamente sul piano dell’interpretazione dell’islam.

Se fosse in patria rischierebbe la vita, ma essendo all’estero, Loujine si burla delle critiche dei più ortodossi, facendo aumentare la febbre digitale che si sta sempre più diffondendo tra i giovani sauditi e contro la quale si è mobilitato, venerdì scorso, anche sheikh Abdul-Aziz Al-Sheikh che ha paragonato twitter a un giogo da clown.

A provocare quella che i conservatori considerano una pericolosa influenza non è solo You Tube, ma soprattutto Keek, il servizio di video sharing che permette di trasmettere filmati di un massimo di 36 secondi e che risulta particolarmente popolare tra le società dei paesi del Golfo. Il 58 percento dei visitatori del sito vengono da questa regione e il 44 percento dei messaggi di Keek viene prodotto proprio nel regno saudita. Visto che trasmette immagini, Keek è particolarmente inviso ai settori più conservatori.

Per questi Loujine è il cattivo esempio da non seguire, la donna da attaccare sul web e screditare. Mentre nei forum femminili la studentessa incoraggia alcune donne a lottare per la loro emancipazione, in alcuni gruppi fondamentalisti è presa di mira per la troppa libertà dimostrata.
Questo video raccoglie alcuni spezzoni caricati da Loujine su Keek.
I video sono tratti dall’osservatorio sui media arabi Arabmediareport: http://arabmediareport.it

From → Uncategorized

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: